Gli impatti ambientali diretti sono quelli creati dai processi produttivi, distributivi o amministrativi della Banca, attraverso il consumo di risorse, la produzione di rifiuti e l’emissione di sostanze nocive. Il presidio di questi impatti è curato dall’Energy e dal Mobility Manager. Di seguito la descrizione degli impegni di BNL e del Gruppo BNP Paribas.

BNP PARIBAS E’ CARBON NEUTRAL E LANCIA IL NUOVO PROGRAMMA DI COMPENSAZIONE DELLE EMISSIONI DI CARBONIO CON LA FONDAZIONE GOODPLANET

Alla fine del 2017, il Gruppo BNP Paribas è diventato carbon neutral, ovvero un'impresa a emissioni zero grazie a una combinazione di tre azioni:

  • Riduzione delle emissioni dirette di CO² con l'obiettivo di una riduzione del 25% entro il 2020, attraverso una politica attiva di promozione dell'efficienza energetica negli edifici e data center della Banca e ottimizzando i viaggi di lavoro dei propri collaboratori;
  • Riduzione delle emissioni derivanti dal consumo di energia, acquistando solo elettricità a basse emissioni di carbonio in tutti i paesi in cui è disponibile;
  • Compensazione delle emissioni di CO²  residue e che non possono essere ridotte.

AVVIO DI UN PROGRAMMA DI COMPENSAZIONE DEL CARBONIO VOLONTARIO E SOLIDALE

BNP Paribas e la Fondazione GoodPlanet, attraverso la sua consociata MyPlanet, hanno lanciato un programma volontario e solidale di compensazione del carbonio, che si svolgerà per i prossimi 10 anni e migliorerà le condizioni di vita di circa 70.000 persone.

Il programma è stato firmato da Jean-Laurent Bonnafé, Amministratore Delegato di BNP Paribas e Yann Arthus-Bertrand, presidente della Fondazione GoodPlanet.

Vedi il video di BNP Paribas
Scopri di più sull'impegno del Gruppo


CARBON 2020

Il programma "Carbon 2020" è stato attivato per tutte le società del Gruppo a livello mondiale. Il progetto mira ad intensificare le iniziative e gli strumenti per una migliore efficienza energetica e riduzione dei consumi. Ci siamo fissati un nuovo e sfidante obiettivo: la riduzione del 25% delle nostre emissioni di  Gas effetto serra e del 30% della carta consumata entro il 2020.

IMPATTI DIRETTI DI BNL 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

-25% GAS EFFETTO SERRA ENTRO IL 2020

Per raggiungere l’obiettivo prefissato si farà leva su tre fattori principali: la gestione del patrimonio immobiliare, dei viaggi e delle infrastrutture IT.

  • Per il Gruppo BNP Paribas questo vuol dire passare dalle  3,21 teq/FTE (Tonnellata di CO2 equivalente per dipendente)  del 2012 alle 2,41 teq al 2020. Nel 2018 le emissioni di CO2 del Gruppo BNP Paribas si attestano a 2,45 teq.

 

 

  • Per BNL l’obiettivo è passare da 4,68 teq/FTE (Tonnellata di CO2 equivalente per dipendente) del 2012 alle 2,94 teq al 2020 è stato ampiamente raggiunto in anticipo,nel 2019 le emissioni di CO2 si attestano a 2,82 teq.

Questo  risultato sul fronte edifici deriva da una costante ottimizzazione degli spazi, dall’acquisto di energia al 100% da fonti rinnovabili, dall’impianto di cogenerazione installato nella sede di Roma  - Aldobrandeschi , da diversi progetti sui sistemi di risparmio energetico in agenzia  e dall’installazione di vari impianti  fotovoltaici.

-30% CONSUMO DI CARTA E ALMENO 80% DI CARTA DA FONTI SOSTENIBILI

Per raggiungere l’obiettivo di riduzione si farà leva sull’ottimizzazione e riduzione dei processi di stampa, sulla dematerializzazione dei rapporti con i clienti e sull’archiviazione digitale; inoltre gli acquisti si orienteranno sempre di più verso la scelta di carta da fonti sostenibili (almeno al 50% riciclata, PEFC, FSC).

  • Per il Gruppo BNP Paribas questo vuol dire passare dai 165 kg/dipendenti del 2012 ai 115 Kg/dipendente nel 2020;  la % di carta da fonti sostenibili dovrà crescere dall’attuale 65% ad almeno 80%.
  • In BNL nel 2019 sono stati usati 101/Kg dipendente e il 100% della carta utilizzata proviene da fonti sostenibili/riciclata