Si conclude con una conferma questa 75.ma edizione dei Nastri d’argento, che vede protagonisti dell’attuale scena cinematografica italiana, le donne e i giovani.

Emma Dante con “Le sorelle Macaluso” chiude la serata con l’assegnazione di 5 nastri tra cui quello al Miglior film e alla Migliore Regia, mentre Susanna Nicchiarelli si aggiudica il premio Film dell’anno con Miss Marx.
Considerata tra le autrici più innovative e interessanti nel panorama cinematografico italiano, la regista realizza un film di respiro internazionale, originale e inconsueto premiato per la regia, la produzione, i costumi e le musiche.

Vince in 4 categorie L’incredibile storia dell’Isola delle Rose di Sydney Sibilia, confermando il consenso annunciato nelle candidature e portandosi a casa il nastro per la Migliore commedia e per il Miglior attore di commedia - assegnato ancora una volta - ad uno stupendo Elio Germano.

L’attore aggiunge l’ennesimo riconoscimento alla sua personale palmarès raggiungendo così il record di vincita di 5 Nastri.
Nastro per il Regista esordiente a Pietro Castellitto autore de “I predatori” e a Massimo Popolizio per la sua interpretazione nel film che lo premia come attore non protagonista.

Miglior sceneggiatura a Cosa sarà di Francesco Bruni e riconoscimento all’interprete principale Kim Rossi Stuart che si aggiudica il Nastro come Miglior attore protagonista.

Tra le interpreti femminili vincono a sorpresa Teresa Saponangelo, Migliore attrice protagonista (Il buco in testa) e Sara Serraiocco, Migliore attrice non protagonista (Non odiare) che superano in volata le illustri colleghe presenti in cinquina (Valeria Bruni Tedeschi, Alba Rohrwacher, Valeria Golino, Carolina Crescentini e Donatella Finocchiaro).

Premiate in ex aequo come Interpreti di commedia, Miriam Leone (L’amore a domicilio) e Valentina Lodovini (10 giorni con Babbo Natale).

Tra i Nastri speciali, già annunciati nel corso della conferenza stampa di maggio, il Nastro di Platino a Sophia Loren, Nastro speciale a Renato Pozzetto ed il Nastro Europeo a Colin Firth.
A Stefano Bollani per Carosello Carosone il premio per la Migliore colonna sonora mentre il riconoscimento per la Canzone originale va a Laura Pausini autrice ed interprete di Io sì, brano tratto dalla colonna sonora del film La vita davanti a sé di Edoardo Ponti.
Per il cinema degli esordienti il nastro per il Miglior soggetto è assegnato a Claudio Noce e Enrico Audenino (Padrenostro), mentre il Premio Guglielmo Biraghi va quest’anno a Ludovica Francesconi (Sul più bello), Alice Pagani (Non mi uccidere) e al trio di Est - Dittatura Last Minute.

BNL Gruppo BNP Paribas,  Main Sponsor dei premi Nastri d’Argento,  sostiene e promuove iniziative di qualità per la diffusione della cultura, dell’arte e del sapere, fattori essenziali nello sviluppo della Società e veicoli di crescita economica . L’arte cinematografica ha valenza universale, supera i confini e fa dialogare le diverse culture: valori che fanno parte dell’identità multiculturale ed inclusiva del Gruppo.

L’attenzione della Banca per il cinema prosegue anche sul web, con il portale welovecinema.it dedicato a chi il cinema “lo fa, lo ama e lo racconta” e le pagine social Facebook (facebook.com/WeLoveCinemaITA) con circa 320 mila fan e Twitter (@WeCinema) con circa 70 mila follower oltre l'account @bnl_pr su Twitter.

Foto: ©SNGCI