BNL Gruppo BNP Paribas è stata, anche nel 2020, Main Partner della Festa del Cinema di Roma, uno degli appuntamenti culturali più importanti nel panorama cinematografico italiano ed internazionale che si è svolta dal 15 al 25 ottobre presso l’Auditorium Parco della Musica.
L’immagine emblema scelta per rappresentare la 15^ edizione della Festa - Sidney Poitier e Paul Newman sul set di Paris Blues - ne ha annunciato anche il Leitmotiv: la celebrazione della condivisione, del valore della collaborazione umana e artistica e dell’amore interraziale.

La rassegna si è aperta con l’anteprima del nuovo lungometraggio d’animazione Disney e Pixar Soul.
Il film, diretto da Pete Docter e prodotto da Dana Murray ci ha accompagnato in un viaggio fantastico tra New York e regni cosmici mai visti prima.
Tra i film più attesi della Festa Mi chiamo Francesco Totti di Alex Infascelli, tratto dal libro Un Capitano scritto dallo stesso Totti con Paolo Condò e Palm Springs di Max Barbakow che ha esordito negli stati Uniti con un grande successo di critica e di pubblico.
Ha chiuso i 10 giorni della manifestazione il film di Francesco Bruni Cosa sarà con Kim Rossi Stuart interprete principale.
La pellicola racconta la storia di Bruno che in una fase di stallo della sua vita si scopre gravemente malato.
E’ l’occasione per intraprendere insieme alla sua famiglia un inatteso percorso di rinascita, che cambierà i loro rapporti e insegnerà a Bruno ad alzare gli occhi da sé stesso.

Il red carpet, è stato dedicato quest’anno ad Ennio Morricone scomparso lo scorso 6 luglio. Le sue musiche hanno accompagnato talent, ospiti e pubblico lungo il percorso che conduce alle sale dell’Auditorium Parco della Musica.
Due, anche nel 2020, i Marc'Aurelio d'Oro alla carriera. Il primo assegnato a Pete Docter già regista del film di apertura e dei pluripremiati agli Oscar Up e Inside Out.
Il secondo al regista, sceneggiatore e scultore britannico Steve McQuinn autore di film di successo internazionale come Hunger, Shame e 12 anni Schiavo.
Novità della 15^ edizione, la collaborazione tra la Festa del Cinema e il Festival di Cannes che ha proposto al pubblico una selezione ufficiale dei film in concorso presentati nella recente edizione della kermesse francese.
Due le pietre miliari del cinema italiano restaurate in occasione della Festa del Cinema e riproposte al pubblico: In nome della legge di Pietro Germi, e Padre padrone di Paolo e Vittorio Taviani.

Anche quest’anno i film presentati in anteprima mondiale, internazionale ed europea, hanno concorso al Premio del Pubblico BNL.
Al termine di ogni proiezione gli spettatori in sala hanno votato il film preferito e decretato l’opera vincitrice che quest’anno e stata Été 85 del regista François Ozon.
Il film, di cui il regista ha curato anche la sceneggiatura, racconta la storia di un adolescente che trascorre l’estate del 1985 sulle coste della Normandia e che, salvato da un annegamento, incontra per la prima volta, l’amico che aveva sempre sognato di avere.

ALICE NELLA CITTA’

BNL è stata, anche nel 2020, Sponsor di Alice nella Città, la sezione autonoma e parallela della Festa del Cinema di Roma dedicata ai più giovani. La rassegna ha presentato un programma di anteprime assolute con proiezioni di qualità, esordi alla regia e conferme originali.

Tra le novità di questa edizione l’istituzione della sezione Sintonie realizzata in collaborazione con la Mostra Internazionale del Cinema di Venezia e la sezione Series dedicata alle serie televisive.

12 film in concorso, 5 fuori concorso, 6 eventi speciali, tre restauri e 26 cortometraggi hanno completano l’offerta della 18^ edizione di Alice nella Città.

Ad aprire gli eventi speciali è stato l’atteso film cartoon Trash di Luca della Grotta e Francesco Dafano.

 

Tra le pellicole in concorso Gagarine di Fanny Liatard e Jèrèmy Trouilh, Ibrahim di Sarin Guesmi e il documentario di Francesca Mazzoleni, Puntasacra he si è aggiudicato Il Premio  Speciale della Giuria.
Il Premio Miglior Film Alice 2020  è andato invece a Kajillionaire di Miranda July che attraverso personaggi grotteschi ha saputo descrive una realtà genitoriale tossica molto attuale  dimostrando che la famiglia non è solo quella in cui nasciamo, ma quella che ci costruiamo.

BNL E LA FESTA SUI SOCIAL

La Banca, attiva anche sul web e sui social network, ha raccontato la Festa, i personaggi e gli eventi su Instagram con l’account @bnl_cultura e su Twitter con @BNL_PR attraverso la pubblicazione di immagini e video esclusivi. BNL, inoltre, è protagonista del grande schermo sulla rete con welovecinema.it e la community social We Love Cinema, attraverso i suoi canali social Twitter @WeCinema e Facebook @WeLoveCinemaITA raggiungibili anche con la App gratuita We Love Cinema, dove trovare news recensioni ed approfondimenti.

Foto Auditorium AGR Press